Cosa sono i Chakra?


Chakra in sanscrito ha diverse traduzioni che rimandano sempre al significato di una "forma circolare" : cerchio, ruota, vortice, o movimento energetico che si allarga a spirale, un punto da cui tutto parte e a cui tutto torna.

I chakra rappresentano i centri energetici del nostro corpo che hanno il compito di assorbire la nostra energia vitale (prana) e distribuirla all’esterno.

Il prana fluisce nel nostro corpo attraverso una rete di speciali canali energetici chiamati Nadi, questa rete è simile al nostro sistema nervoso e questi canali energetici sono più di 72.000.

Le tre nadi principali sono:

Sumshumna è la nadi principale che parte alla base della spina dorsale e termina sulla sommità del capo.

Ida segue un percorso a spirale che parte dal testicolo o dall’ovaia sinistra per arrivare alla narice sinistra. Ha una energia di tipo lunare, femminile e ha funzioni assimilabili al sistema nervoso parasimpatico che ha la funzione di calmare e conservare energia. 

Pingala segue un percorso a spirale che parte dal testicolo o dall’ovaia destra per arrivare alla narice destra. Ha una energia di tipo solare, maschile e ha funzioni assimilabili al sistema simpatico responsabile di attivare il nostro metabolismo.

Ida e Pingala incrociandosi attorno a Sushumna danno vita ad un chakra.

Nel nostro corpo vengono contati ben 74 chakra, i 7 principali sono distribuiti lungo la spina dorsale in corrispondenza delle ghiandole endocrine che regolano e controllano le diverse funzioni dell’organismo attraverso la produzione e la secrezione di ormoni. Gli ormoni sono sostanze chimiche che controllano e coordinano le attività in tutto l’organismo e influiscono a livello emozionale.

Quando l’energia di un chakra è attiva, anche la ghiandola endocrina e gli organi ad essa associati svolgono al meglio le loro funzioni vitali. Quando i chakra sono chiusi temporaneamente o sovraccarichi di energia si determina uno squilibrio psico-fisico.

Nello Yoga, il kundalini (energia pranica) attraversa i chakra durante il suo percorso di ascesa, riportandoli al loro regolare funzionamento. La Kundalini, giace in forma dormiente in attesa che la sua potenzialità venga risvegliata per l’evoluzione spirituale. L’oggetto delle pratiche yogiche è quindi risvegliare l’energia Kundalini e farla salire attraverso tutti i chakra.

Ogni chakra, oltre ad avere caratteristiche specifiche, è associato a determinate emozioni, sensazioni, funzionalità mentali e spirituali, per questo ho creato per ognuno una scheda ed ho associato un video con una pratica completa e meditazione guidata.

Leggi Muladhara: il chakra della radice

Leggi Svadhisthana: il chakra sacrale

Leggi Manipura: il chakra del plesso solare

Leggi Anahata: il chakra del cuore

Leggi Vishuddha: il chakra della gola

Leggi Ajna: il chakra del terzo occhio

Leggi Sahasrara: il chakra della corona