Skandasana


Skandasana deve il suo nome a Skanda uno degli appellativi in cui nella tradizione indù viene indicato il Dio della guerra, per cui è conosciuta coma la posizione del Dio della guerra.

Skanda chiamato anche col nome di Kartikea, è figlio di Shiva e Parvati e fratello di Ganesh, il Dio dalla testa di elefante.
Secondo la leggenda, i giganti dopo aver vinto gli dei, imposero il loro dominio e Skanda, divenuto "Comandante Supremo" di trecento milioni di dei, li sconfisse dopo una guerra sanguinosa e uccise il loro capo con la sua famosa lancia (dono di sua madre Parvati).

Nello yoga non è raro trovare nomi differenti per un’asana, a seconda del maestro, della scuola, dell’approccio o di come un determinato stile abbia sviluppato e interpretato le leggende della tradizione. Iyengar indica Skandasana come una posa in cui lascia passare un piede dietro la testa nel piegamento in avanti da seduti in Paschimottanasana. Nell’Ashtanga yoga è invece descritta da Pattabhi Jois una versione in piedi, sempre con un piede dietro la testa.

E’ molto probabile che sia Iyegar che Pattabhi Jois si siano lasciati ispirare da alcune raffigurazioni in cui Skanda viene rappresentato con la sua lancia potentissima che una volta conficcata in terra non solo fa tremare “mari e monti” ma può essere estratta solo dal Dio Vishnu. In entrambe i casi, il piede dietro la testa rappresenterebbe la lancia di Skanda.

Nella versione del piegamento laterale su di una gamba, invece la lancia è rappresentata dalla gamba tesa oppure dal braccio più esterno verso l’alto e poggiando la mano corrispondente alla gamba flessa sul cuore.

Dal punto di vista fisico ha molti benefici:

  • Aiuta ad entrare subito in un profondo stretching e migliora la flessibilità del bacino e delle anche.
  • Ha effetti benefici su piedi, caviglie, ginocchia, pelvi, tendini e quadricipiti.
  • Aumenta il senso di equilibrio fisico e mentale e la nostra forza.
  • Attiva e stimola i primi tre chakras: Muladhara (Chakra della radice), Swadisthana (Chakra sacrale) e Manipura (Chakra del Plesso solare) .