CHI SONO


Namasté!

Mi chiamo Giulia Indiana, ma mi chiamano tutti Indi da quando sono nata.

Ho cominciato a fare yoga circa 5 anni fa in palestra, ma sono diventata “dipendente” a gennaio 2017 grazie ad una carissima amica, maestra certificata di Hatha Yoga da 7 anni.

Stavo passando uno dei momenti peggiori della mia vita, ero devastata, completamente persa, smarrita, demotivata.

La mia amica, Silvia Melatti, mi ha proposto una lezione privata, a casa mia e subito ho avuto dubbi.

Come la maggior parte della gente, pensavo che lo yoga fosse una disciplina molto lenta, fatta di stretching e respirazione, ma dopo solo un’ora con quella che sarebbe diventata ed é tuttora la mia Maestra, avevo già cambiato idea: un benessere diffuso per tutto il corpo e la mente finalmente più lucida, libera da tutti quei condizionamenti che mi tormentavano da molto tempo.

Dopo circa un mese ho cominciato a praticare ogni mattina, seguendo tutorial su internet, per 20 min o un’ora e mezza, in base al tempo che avevo. A giugno 2017 ho fatto la prima settimana di ritiro con lo staff di Almaluna Eventi e Vacanze yoga e olistiche nell’oasi WWF protetta di Capalbio e ho avuto la conferma che lo yoga fosse una vera cura per l’anima ed una disciplina in grado di trasformare il corpo e la mente nella versione migliore di noi stessi.

A dicembre 2018 sono partita per un mese intensivo di corso di formazione per insegnanti presso I’Ashram Arhanta a Khajuraho in Madhya Pradesh (India) dove ho conseguito la certificazione Yoga Alliance.

Li, finalmente, mi é stato chiaro quanto sia potente questa disciplina millenaria e quanto portasse alla luce la nostra vera natura. Tornata ho scelto di smettere di lavorare nella moda, tra Milano e Parigi e cercare uno stile di vita slow più vicino alla nuova-vecchia me, alla mia natura ritrovata.

Il mio approccio allo yoga non é “estremista”: non sono diventata vegana, induista, non mi vesto di bianco e non indosso collane di semi o rosari buddhisti, non mi astengo dalla pratica sessuale per non disperdere energie, non cito ogni momento guru Indiani e ho ancora una grande resistenza alla meditazione.

Lo yoga non é una religione, non é neanche uno sport e nemmeno contorsionismo, lo yoga é un PERCORSO personale che si può praticare ovunque, senza bisogno di strumenti e che agisce sul piano mentale, fisico ed energetico.

Nello yoga non serve essere flessibili, si fa yoga per diventare flessibili, fisicamente e mentalmente.

Nello yoga si impara ad accettarsi, a smettere di paragonarsi agli altri, perché ogni corpo é diverso e questa é la ragione principale per cui ho scelto di dedicarmi alle lezioni private. La pratica one to one consente di personalizzare ogni lezione in funzione della persona, del suo corpo e del suo stato mentale, così da focalizzarsi su obiettivi specifici e raggiungere più velocemente dei risultati. Raggiungere degli obiettivi rafforza la fiducia in se stessi e stimola la crescita individuale.

Ho creato questo sito per cercare di trasmettere a più persone possibile la mia visione dello Yoga e cercare di diffondere anche solo un pochino del benessere che può regalare questa antica scienza, consapevole che il mio percorso sia ancora in divenire.